I giocatori della Juventus si tagliano lo stipendio

Per far respirare le casse della società, i giocatori della Juventus e il loro allenatore, Maurizio Sarri, rinunceranno a qualche mensilità – quattro, da marzo a giugno. Così facendo, pare che la squadra bianconera possa risparmiare circa novanta milioni. È la prima squadra italiana a raggiungere un accordo simile coi propri giocatori; è lecito pensare che non sia l’ultima. Questi novanta milioni potrebbero tornare particolarmente utili quando si parlerà di trasferimenti, acquisti e mercato.

L’Atalanta continua l’avventura europea

Grazie soprattutto ai quattro gol di Iličić, l’Atalanta sconfigge il Valencia anche nella gara di ritorno e accede ai quarti di finale di Champions League. Un traguardo incredibile, se si pensa al periodo delicato che sta vivendo l’Italia e più che altro la provincia di Bergamo; un traguardo incredibile se si pensa che, fino a poche stagioni fa, l’Atalanta doveva darsi da fare per non rimanere invischiata nella lotta per la retrocessione. Un traguardo alla portata, invece, se ci si concentra su altri aspetti: sulla coesione del gruppo, sull’importanza di una guida come Gasperini, sul tasso tecnico del reparto avanzato. In una primavera estremamente diversa dalle precedenti, l’Atalanta continua a trarre il massimo dalla propria anormalità.

La Juventus cade il Lione, il Napoli regge l’urto

Dopo il quattro a uno dell’Atalanta, ci si aspettava molto anche dalle altre due italiane impegnate in Champions League. Il Napoli aveva davanti la sfida più difficile, dovendo affrontare il Barcellona al San Paolo. Tuttavia, la squadra di Gattuso ha retto l’urto: uno a uno difendendo tutto sommato bene, impedendo al Barcellona di arrivare spesso al tiro e sfiorando addirittura la vittoria in un paio di occasioni. Male, invece, la Juventus in trasferta a Lione: sempre in ritardo, poco convinti, una squadra scollata e a tratti remissiva. Il Lione non ha giocato una grande partita, ma gli è bastata per vincere uno a zero e per far tremare le gambe alla Juventus, che al ritorno dovrà dare quello che non è riuscita a dare all’andata.

L’Atalanta ha ritrovato anche Duván Zapata

Ennesima vittoria roboante dell’Atalanta, che batte il Lecce sette a due rimanendo così al quarto posto in classifica. La squadra di Gasperini continua a regalare spettacolo e gol, proponendosi come una delle squadre più offensive del mondo. Dei quattro tenori là davanti, all’appello mancava soltanto Duván Zapata, che dopo un grande inizio di stagione era stato costretto ad uno stop di tre mesi. Tornato a gennaio, aveva fatto un po’ di fatica a rientrare negli schemi di Gasperini, ma con la tripletta al Lecce si è nuovamente ripreso il posto che gli spetta: è tornata a segnare una delle punte più forti della Serie A.